Un ventenne diventa milionario grazie ad una italian idea

pizzadomicilio

A Bologna un gruppo di studenti fuorisede, con il frigo sempre vuoto, sulle pizze a casa ha costruito una società gioiellino da 240mila utenti, mai in passivo, in grado di attirare gli interessi del mercato straniero. Sono bastati un’idea, un po’ di dimestichezza con il web, e un investimento iniziale di poche decine di migliaia di euro. Stiamo parlando di Pizzabo.it, il sito per ordinare con un clic, nato da un’intuizione di un programmatore 29enne, Christian Sarcuni.
Pizzabo.it, che riunisce oggi 312 ristoranti in diverse città del Nord, è stato acquisita dai tedeschi di Rocket Internet, il gruppo di e-commerce berlinese quotato alla borsa di Francoforte, per una cifra milionaria che, secondo alcune voci potrebbe essere superiore ai 5 milioni.

Il segreto del successo? L’idea che sta alla base del sito, un dispositivo che viene dato alle pizzerie e ai ristoranti che effettuano consegne a domicilio. Il cliente che si connette a Pizzabo.it vede gli esercizi aperti più vicini a sé, corredati di tempi di consegna e recensioni. Effettuato l’ordine, l’apparecchio del pizzaiolo squilla e stampa una specie di scontrino con le richieste: se c’è la conferma, il cliente di lì a qualche minuto riceverà la pizza o altro a casa.

Target Point, Italian Ideas.

Fonte: corriereinnovazione.it

Rocket Internet eats Italy’s Pizzabo. Foreign investors have appetite for Italian startups

Four Italian startups developers of web based services in the food delivery sector and restaurant selection have been acquired by foreign groups in the last two months.

The last one has been Pizzabo, an Italian startup based in Bologna and a developer of a delivery platform for takeaway pizzas and other food, which has been acquired by German giant Rocket Internet. The Frankfurk-listed group’s mission is to become the world’s largest Internet platform outside of China and the United States. Rocket identifies and builds proven Internet business models and transfers them to new, underserved or untapped markets where it seeks to scale them into market leading online companies.

Target Point, Italian Ideas

Un’idea italiana premiata al Ces 2015 di Las Vegas

gal14_easydom next salotto

La storia di Sergio Tucci non è diversa da quella di altri imprenditori di Mariano Comense, comune della Brianza. Lavoro, passione, sacrifici. E alla fine le cose iniziano a funzionare. La “fabbrichetta” di Sergio però non fa mobili né lavora il legno, come molte di quelle in zona. Si occupa di tecnologia domotica. Ovvero case intelligenti o “smart home” come si dice al Ces (Consumer Electronics Show), la fiera della tecnologia di Las Vegas: qui la Easydom di Bucci ha vinto uno degli Innovation Awards (categoria Software e Mobile Apps) assegnati dall’organizzazione.

La sua storia

Sergio, 39 anni, aria giovanile e ciuffetto in testa, non è un mobiliere ma neppure un nerd alla Bill Gates o alla Zuckerberg, fuggito giovanissimo da un’università prestigiosa. Bucci nasce come elettrotecnico, progettava impianti domestici e industriali. Circa 10 anni fa inizia a occuparsi di automazione. «Facevo impianti e volevo crearne uno mio. Ho iniziato a sviluppare il software nel 2003 e ho avviato un gruppo di lavoro». Per 8 anni però il progetto rimane un’occupazione serale. Poi nel 2011 nasce l’azienda. Con un’azzardo: Tucci deve vendere casa per far partire Easydom: «Perché ho rischiato? Credo in quello che faccio. E ho pensato: ‘Se va bene, la casa me la ricompro. Se invece mi tengo l’appartamento, resterò sempre soltanto con un appartamento». In mezzo all’orgoglio c’è una punta d’amarezza: «Ho avuto pochi aiuti e ho sentito molte chiacchiere. Non si fa abbastanza per trattenere i giovani in Italia. Ho avuto offerte per portare l’azienda all’estero ma tengo al territorio in cui lavoro».

La soluzione

Easydom Next, premiato a Las Vegas, è un software che fa da centro di controllo per gli oggetti “intelligenti”. Lampadine, tapparelle, porte, termostati, allarmi, videosorveglianza, elettrodomestici, impianti audio multi-stanza e così via. Ognuno però vive in un “mondo” a sé: serve un’app per le luci, un’app per il riscaldamento, un’app per le videocamere. Easydom ha un software che comunica con tutti gli oggetti “smart” («Per ogni singolo dispositivo andiamo a parlare con il produttore e creiamo una compatibilità») e permette di controllarli attraverso pc, smartphone o tablet. Con pochi tocchi si comanda tutta la casa. Si possono impostare scenari d’uso: all’ora della sveglia si accendono alcune luci, si alzano le tapparelle, parte una musica soft. Quanto costa? Per un appartamento possono bastare 1.000 euro. «Anzi, se si deve rifare l’impianto elettrico da zero scegliere la domotica può anche far risparmiare», spiega Tucci.

Target Point, Italian Ideas

Fonte: Corriere.it

Easydom receives innovation award at CES 2015

Easydom, the Italian software company which is a partner of Microsoft received the innovation award at CES 2015. Easydom received the award for its Easydom Next which is a home automation platform that comes with a handful of features.

With Easydom Next you can control lights, motorizations, temperatures, security system and visualize the cameras wherever you are and whenever you want. It has been realized for Windows Phone but it’s available also for Apple and Android devices.

Home Automation is the tool that allows you to manage systems, devices and automations in order to increase your comfort and security, and control your energy consumption. It can also be applied in many fields outside the home. Discover Easydom solutions that satisfy a wide variety of needs in full compliance with applicable laws and regulations.

Easydom domotics allows to have the complete control of every house rooms or the office, from everywhere you are. It’s enough to have an internet connection and be connected to your system, in this way managing lights, motorizations, temperatures, cameras and alarm systems will be easy and fast like doing it from home.

Target Point, Italian Ideas

Letto matrimoniale: tre regole per non sbagliare secondo matrimonio.it

Regola n°1: “Due cuori e… un letto

Il letto matrimoniale deve prima di tutto riflettere il carattere della coppia.

Posto nello spazio più intimo del nido, nella camera degli sposi, è  l’elemento di arredo che per eccellenza simboleggia l’unione matrimoniale.
Romantico, classico, moderno, confortevole, comodo, morbido, comunque esso sia, ogni qual volta viene l’ora di dormire, di riposarsi, di coccolarsi, diventa il protagonista.
Non c’è che l’imbarazzo della scelta per gli sposini che devono affrontare la scelta dell’arredo per la nuova camera. Il letto è proposto in mille versioni e ce n’è per tutti i gusti ed esigenze.

Regola n°2: “Lo stile, una scelta d’amore”
Lo stile del letto matrimoniale deve nascere dal proprio cuore, è anch’esso una scelta d’amore.

Le principali tipologie per la struttura del letto matrimoniale sono le seguenti: in legno, in ferro (battuto), tessile (ossia imbottito e rivestito in stoffa o in pelle).

Per scegliere quello che più si adatta a voi, l’ispirazione la potete trovare ovunque, anche lontano.
Per il vostro letto matrimoniale potete ispirarvi, ad esempio, al rigore giapponese, all’eleganza francese, alla naturalezza nordica:

– di rigore giapponese: è un letto basso, dalle linee pulite, con un tipo speciale di materasso molto sottile chiamato futon. E’ adatto alle coppie particolarmente giovani e moderne, amanti dell’essenziale, pratiche.
– di eleganza francese: decisamente romantico, in ferro battuto, con particolari frivoli ma al tempo stesso non pesanti. Si sposa alla perfezione con coperte e cuscini con rùches e in colori pastello. Decisamente adatto per i più romantici.
– di naturalezza nordica: essenziale e robusto, con gli spigoli vivi, squadrati. Adatto per gli amanti della natura, per chi è attento ai problemi dell’ambiente e presta cure e attenzioni per la sua salvaguardia.

Qualsiasi sia lo stile del vostro letto, l’importante è che sia un letto di qualità!

Regola n°3: “Occhio alla qualità”
Aldilà dello stile, è importante fare attenzione alla qualità della struttura del letto, al momento del suo acquisto.

Non dovete dimenticare che trascorriamo circa 1/3 della nostra vita dormendo: la buona qualità del sonno è quindi importante e influenza profondamente anche il resto della giornata che trascorrete svegli.
Essa dipende non solo dal tipo di materasso, ma anche dalla struttura del letto. Quindi, un buon letto, è quello che coniuga il design alla qualità.

Target Point, Italian Ideas

 

 

DOUBLE BED: 3 RULES IN ORDER TO AVOID ANY MISTAKES

Rule n° 1: “Two hearts … one bed

A double bed has to mirror the couple disposition.

It’s in the most deep down space of the home, the bedroom and it’s the element that represent the nuptial union.
Romantic, classic, modern, comfortable or soft it becomes the leading when we go to sleep.
There are a lot of choises for the bride and groom that have to furnish their bedroom.
Rule n° 2: “The style, a love choice”

The double bed style ha sto born from our heart, it’s a love choise.

Here’s the type of the structures for a double bed: wood, wrought iron, textile type. You can find the inspiration to chose the best for you everywhere, even from afar. For your double bed you can be inspired by the Japanese rigour, by the French elegance or by the simplicity of the Nordic country.

Japanese rigour: the bed is low, its lines are simply and the mattress is very thin (called futon). It’s suitability for the modern and young couple.

French elegance: it’s certainly romantic, in wrought iron, with frivolous but not heavy details. It’s the right choise for the romantic one.

Nordic style: essential and strong, with squared corner. It’s suitability for the naturalist, for those that are ecologist and green.

Rule n° 3: “with an eya to the quality”
It’s important to pay attention to the quality of your bed, when you purchase it. You don’t have to forget that we stay for 1/3 of our life in the bed: the good quality of the sleep is very important and it deeply influences the rest of the day. It depends from the type of the mattress, but also from the type of the structure. So, a good bed, is the one that mix quality to the design.
Target Point, Italian Ideas

Green for all, l’idea italiana tutta al femminile vincitrice di Smart for City

Il concorso si chiama Smart FOR city (lanciato dall’omonima casa automobilistica) ed è rivolto alle startup che hanno come obiettivo quello di contribuire alla costruzione di un mondo migliore, fondato su criteri di sostenibilità e sfruttamento responsabile sia delle risorse che degli spazi offerti dall’ambito urbano, in un’ottica di riqualificazione.

Hanno partecipato ben 80 stratup e la premiazione è avvenuta proprio nei giorni scorsi. Il progetto vincitore si chiama Green For All; Francesca Perricone e Roberta Rotondo, architetti romani specializzati in design ambientale, sono le menti del progetto.

L’idea è semplice e 100% eco compatibile: vuole restituire un po’ di verde al grigio delle periferie, attraverso innovative soluzioni eco friendly concentrate in una piccola serra che può essere facilmente posizionata in corrispondenza di una finestra, creando così un circolo virtuoso per il corretto utilizzo delle risorse ambientali. Si tratta insomma di un vero e proprio giardino pensile che utilizza le fonti rinnovabili per la produzione di energia o acqua calda, alimentato con sistema compost.

Target Point, Italian Ideas.

Green for all: the italian winning idea of Smart for City

Smart FOR city is a brand new contest focused on urban regeneration, whose participants had to submit proposals to improve the environment in which we live.

Now we have the winners: Francesca Perricone and Roberta Rotondo, two designers from Rome specialized in environmental design. The winners were chosen among more than eighty startuppers who worked on four areas: mobility, work / life balance, safety and environmental sustainability.

Their project is called Green For All and consists of a flexible and adaptable module that allows the extension of existing buildings and new buildings. It is made of local materials recycled, a sort of greenhouse with a sunscreen folding furniture that can create a virtuous circle in the proper use of environmental resources. A roof garden that produces energy and hot water, zero impact on the environment because thanks to its compost system.

Target Point, Italian Ideas.