Waynaut, così la startup italiana per i viaggi ha conquistato Forbes

waynaut

Il viaggio, una delle passioni più amate. Se un tempo il regalo più bello che si potesse ricevere era un ingombrante e costosissimo elettrodomestico o un abito all’ultima moda, negli ultimi mesi sempre più persone scelgono di regalarsi un viaggio per staccare la spina dallo stress quotidiano. Il problema però è come ridurre lo stress della ricerca del paradiso a prezzi modici. Magari con Waynaut.

L’obiettivo della giovane startup era di diventare il primo aggregatore in Europa di trasporti tradizionali e innovativi, pensato per le aziende e le attività che vogliono ampliare la loro offerta o fornire un servizio aggiuntivo ai propri clienti, mostrando come raggiungere una meta in maniera semplice e veloce. E il giovane team sembra esser riuscito nell’intento.

Con questo piano, a giugno 2014 la società ha chiuso un round di investimento molto importante per il suo futuro, dando vita a Waynaut. L’ambizione quella di offrire il modo migliore per arrivare in qualsiasi posto, ogni giorno.

Target Point, Italian Ideas

Fonte: ninjamarketing.it

Waynaut, the italian start up that achieved Forbes

People need to get around. Fast or cheaply, according to their preferences. Individuals may like to use trains, hate buses or prefer carpooling, but everybody has to get from point A to point B, several times a day. And, before today, there was no fully integrated solution to satisfy this need.
A young Italian team has built it. Every website or app can use their responsive widget or API to show their users the best way to get where they need.

They plan to cover the whole Italy by the end of 2014. In the next few years, they will make possibile to plan and book a trip from a small village in Tuscany to New Delhi, step by step, in a single click.

Target Point, Italian Ideas

Source: waynaut.com

L’ombrellone che ricarica gli smartphone

Grandi novita per quest’estate 2015. Due giovani ingegneri italiani hanno fondato la Start up Smart Beach, una grande invenzione rivoluzionerà la nostra estate: l’ombrellone con la presa usb che permette di ricaricare lo smartphone e addirittura di ordinare il pranzo standosene seduti in spiaggia e chiudere l’ombrellone dal proprio dispositivo, attraverso un sistema automatizzato. Il meccanismo è semplice: basterà alzare lo smartphone in direzione dell’asta dell’ombrellone. Tutto questo sarà possibile grazie ad una scatola cilindrica che contiene la batteria, il motore per aprire e chiudere l’ombrellone, la scheda hardware di gestione, progettata dai due giovani ingegneri, e il pannello solare che serve per l’alimentazione elettrica.

I due ingegneri ventinovenni marchigiani, Fabio Traini e Daniele Ascani, infatti, non solo hanno realizzato l’idea ma hanno costruito a proprie spese i primi prototipi, riscuotendo molto successo. Molti gli stabilimenti balneari che hanno deciso di adottare questa invenzione inovativa e in in cui quest’estate l’ombrellone con la presa usb debutterà: in primo luogo a San Benedetto del Tronto, città natale dei due inventori, ma anche i bagnanti di Marche, Abruzzo ed Emilia Romagna potranno godere di questa nuova comodità oltre che in località di mare turistiche importanti come Ibiza.

Target Point, Italian Ideas

Fonte: Newsly.it

The beach umbrella that charges your smartphone

Two young Italian engineering founded the Smart Beach Start up, a great invention that will rebuild our summer: the beach umbrella with USB plug that allows to charge smartphone or order the lunch from under the beach umbrella. It also allows to close the umbrella from your device, through an computerized system. The mechanism is simple: just raise your smartphone in the beam direction. This will be possible thanks to a cylindrical box that contains a battery, the hardware board and the solar panel.

Target Point, Italian Ideas.